Il direttore dell’esecuzione dei contratti di rilevazione è individuato nel referente regionale dell’indagine RICA. Al direttore dell’esecuzione compete la vigilanza ed il controllo sulla regolare esecuzione del contratto, mediante costante verifica sullo svolgimento del contratto di rilevazione, anche attraverso espliciti e formali strumenti di verifica e valutazione utili ad un monitoraggio accurato. Le procedure di verifica in loco sull’operato degli assegnatari del servizio di rilevazione vengono definite a livello di amministrazione centrale CREA, attraverso l’apposito ufficio anti-corruzione (Ufficio D8 – Vigilanza, trasparenza e anticorruzione).

Nello specifico, al direttore di esecuzione compete:

– 1 – organizzare l’attività di formazione e aggiornamento inerente la metodologia di rilevazione contabile, il cui calendario va pubblicato sul sito internet di GAIA
– 2 – verificare che il beneficiario dell’incarico abbia illustrato agli agricoltori le finalità dell’indagine e le condizioni della loro collaborazione, attraverso la ricezione della Lettera all’agricoltore debitamente controfirmata nei termini di scadenza previsti dal contratto
– 3 – accedere alla verifica sull’andamento delle attività di rilevazione nel corso dell’incarico
– 4 – verificare che il beneficiario dell’incarico abbia eseguito le operazioni di chiusura annuale della contabilità e le fasi di controllo dei dati aziendali (GAIATEST) registrati nel software GAIA, attraverso la verifica del superamento dei controlli di qualità (aziendali ed interaziendali)
– 5 – riscontrare che il beneficiario dell’incarico abbia trasmesso alla postazione regionale copia di salvataggio degli archivi GAIA nei termini di scadenza previsti dal contratto
– 6 – riscontrare che il beneficiario dell’incarico abbia trasmesso alla postazione regionale copia della lettera controfirmata dall’agricoltore nei termini di scadenza previsti dal contratto
– 7 – accertare che il beneficiario dell’incarico, congiuntamente agli archivi contabili di cui al punto 5), abbia trasmesso alla postazione regionale la scheda modalità raccolta dati (presente in GAIA, nella sezione Operazioni di fine esercizio), stampata e debitamente firmata dall’affidatario dell’incarico, che ne autocertifica il contenuto, nei termini di scadenza previsti dal contratto
– 8 – trasmettere all’Ufficio centrale RICA i dati per l’accesso al Cruscotto Aziendale (generati attraverso una specifica funzione dall’applicazione web gestita dal Team di Sviluppo) ai fini della loro trasmissione via PEC alle aziende rilevate e validate per l’esercizio contabile di riferimento. Qualora l’azienda agricola non sia dotata di PEC, la trasmissione avverrà via posta elettronica ordinaria e sarà a carico del referente regionale RICA.

 

A fronte delle suddette attività il direttore dell’esecuzione procede all’asseverazione della regolare esecuzione del contratto.

È invece cura dell’amministrazione centrale del CREA effettuare controlli a campione presso le aziende agricole sulla corretta esecuzione dell’attività di rilevazione.

 E’ inoltre compito del referente RICA regionale verificare la composizione dell’Elenco degli operatori per la sua regione e valutare la riuscita della completa assegnazione del campione teorico regionale. Nel caso di mancata copertura, a causa di un numero limitato di operatori, il referente RICA regionale procede alla pubblicazione di corsi di formazione funzionali al reclutamento di nuovi candidati, tale procedura può avvenire per più cicli nel corso dell’anno.

Se la carenza di operatori in elenco permane è possibile procedere con la richiesta di attivare la manifestazione d’interesse, che ha l’obiettivo di intercettare potenziali soggetti interessati alla rilevazione dell’indagine.