Il Regolamento CE 1242/2008 che definisce la nuova tipologia comunitaria delle aziende agricole, presenta diverse novità rispetto alla Decisione 85/377 CEE. La finalità resta comunque la stessa ossia quella di stratificare, in modo oggettivo ed omogeneo, sulla base di informazioni di carattere strutturale ed economico, le aziende agricole operanti sul territorio dell’Unione Europea, sulla base dei seguenti principi: semplificazione, armonizzazione e comparabilità tra gli Stati Membri.

Col termine tipologia si intende la classificazione uniforme delle aziende della Comunità derivante dalla combinazione di tre variabili discrete: l’Orientamento Tecnico-Economico (OTE), la Dimensione Economica Aziendale (DEA) e sulla rilevanza delle altre attività lucrative direttamente collegate all’azienda. L’OTE rappresenta un’evoluzione del più abituale concetto di indirizzo produttivo, dato che dipende sostanzialmente dall’equilibrio reciproco tra la produttività lorda standardizzata delle singole attività produttive agricole praticate in azienda. La dimensione economica, che deriva dalla stratificazione della variabile continua di produzione standard, assume invece un significato eminentemente dimensionale, derivato però anch’esso dal concetto economico della produttività lorda standardizzata, considerata a livello aziendale. In altri termini, sia l’OTE che la DEA dipendono, attraverso procedimenti di calcolo relativamente complessi, da una terza variabile continua denominata Produzione Standard (P.S.), espressa in euro e riferibile sia alle singole attività produttive aziendali che, per loro semplice somma, all’azienda nel complesso. Infine, viene considerata l’importanza delle attività lucrative direttamente collegate all’azienda, ma diverse dalle sue attività agricole, determinata sulla base della percentuale di dette altre attività lucrative nella produzione finale dell’azienda. A livello comunitario viene definito un elenco di attività produttive agricole, per ognuna delle quali gli Stati membri definiscono periodicamente la produttività unitaria (in generale, ad ettaro per le colture ed a capo per il bestiame). Nella procedura Class.CE, la determinazione della Produzione Standard di ciascuna attività produttiva agricola avviene semplicemente moltiplicando la sua dimensione aziendale per la produzione standard unitaria che la caratterizza nel territorio (regione o provincia autonoma) in cui è ubicata l’azienda. La somma delle produzioni standard di tutte le attività praticate dalla stessa azienda in un determinato esercizio contabile (o annata agraria) costituisce la Produzione Standard (o Standard Output) aziendale. L’elenco aggiornato delle attività produttive (rubriche) previste dalla tipologia comunitaria è riportato nella tabella della pagina seguente. Esso comprende le principali coltivazioni e categorie di bestiame, o raggruppamenti dei medesimi, secondo una logica che assegna un elevato grado di dettaglio alle attività produttive maggiormente diffuse ed importanti all’interno dell’Unione Europea (es. seminativi, allevamenti bovini, ecc.), ed uno minore alle attività produttive più particolari (es. ortofloricoltura in pieno campo), anche se relative ad attività molto intensive e tra loro anche notevolmente diversificate.

Per classificare un’azienda è necessario quindi rilevare le superfici, espresse in ettari ed are, investite alle varie colture, nonché le consistenze numeriche, medie annue, delle diverse categorie delle principali specie animali allevate in azienda, contemplate nell’elenco riportato nella tabella precedente. Per fornire correttamente queste informazioni è necessario anzitutto comprendere i principi di base della metodologia e tener presente alcuni casi particolari previsti dalla normativa comunitaria.

Tabella 1 – elenco delle attività produttive (rubriche) previste nella tipologia comunitaria

Cod

Colture

U,M.

Cod

Allevamenti

U,M.

D01 Frumento tenero

Ha

J01 Equini in complesso (di tutte le età)

Capi

D02 Frumento duro

Ha

J02A Bovini maschi e femmine meno di 1 anno

Capi

D03 Segale

Ha

J03 Bovini maschi da 1 a meno di 2 anni

Capi

D04 Orzo

Ha

J04 Bovini femmine da 1 a meno di 2 anni

Capi

D05 Avena

Ha

J05 Bovini maschi di 2 anni e più

Capi

D06 Mais o granturco

Ha

J06 Giovenche di 2 anni e più

Capi

D07 Riso

Ha

J07 Vacche lattifere

Capi

D08 Altri cereali da granella (sorgo, miglio, panico, farro, ecc.)

Ha

J08 Altre vacche (vacche nutrici, vacche da riforma)

Capi

D09 Legumi secchi (fava, favette, cece, fagiolo, lenticchia, ecc.)

Ha

J09A Pecore

Capi

D10 Patate (comprese le patate primaticce e da semina)

Ha

J09B Altri ovini (arieti, agnelli)

Capi

D11 Barbabietola da zucchero (escluse le sementi)

Ha

J10A Capre

Capi

D12 Sarchiate da foraggio (bietola da foraggio, ecc.)

Ha

J10B Altri caprini

Capi

D23 Tabacco

Ha

J11 Lattonzoli < 20 Kg

Capi

D24 Luppolo

Ha

J12 Scrofe da riproduzione > 50 Kg

Capi

D26 Colza e ravizzone

Ha

J13 Altri suini (verri e suini da ingrasso > 20 Kg)

Capi

D27 Girasole

Ha

J14 Polli da carne – broilers

100 Capi

D28 Soia

Ha

J15 Galline ovaiole

100 Capi

D29 Semi di lino

Ha

J16A Tacchini

100 Capi

D30 Altre oleaginose erbacee

Ha

J16B Anatre

100 Capi

D31 Lino

Ha

J16 Altro pollame (oche, struzzi)

100 Capi

D32 Canapa

Ha

J17 Coniglie fattrici

Capi

D33 Altre colture tessili

Ha

J18 Api

Arnie

D34 Piante aromatiche, medicinali e spezie

Ha

D35 Altre piante industriali

Ha

D14A Ortaggi freschi in pieno campo

Ha

D14B Ortaggi freschi in orto industriale

Ha

D15 Ortaggi freschi in serra

Ha

D16 Fiori e piante ornamentali in piena campo

Ha

D17 Fiori e piante ornamentali in serra

Ha

I02 Funghi coltivati sotto copertura  (superficie di base)

100 mq

D18A Prati avvicendati (medica, sulla, trifoglio, lupinella, ecc.)

Ha

D18B Altre foraggere verdi (mais da foraggio, erbai monofita, ecc.)

Ha

F01 Prati permanenti e pascoli

Ha

F02 Pascoli magri

Ha

D19 Sementi e piantine per seminativi (sementi da prato, ecc.)

Ha

D20 Altri colture per seminativi (compresi affitti sotto l’anno)

Ha

G01A Frutta fresca di origine temperata (compresi i piccoli frutti)

Ha

G01B Frutta di origine subtropicale

Ha

G01C Frutta per frutta a guscio

Ha

G07 Colture permanenti in serra (frutta sotto serra, uva tav. esclusa)

Ha

G02 Agrumeti

Ha

G03A Oliveti per olive da tavola

Ha

G03B Oliveti per olive da olio

Ha

G04A Vigneti per uva da vino di qualità (DOP e IGP)

Ha

G04B Vigneti per uva da vino comune

Ha

G04C Vigneti per uva da tavola

Ha

G04D Vigneti per uva passa

Ha

G05 Vivai (semenzai e piantonai)

Ha

G06 Altre colture permanenti

Ha

D21 Terreni a riposo senza aiuto

Ha

P90 Colture in fase d’impianto

Ha

P93 Altri terreni della SAU

Ha