A.1  IL CONTESTO

Tra i mandati principali assegnati al Centro di Politiche e Bioeconomia del CREA-PB (ex Istituto Nazionale di Economica Agraria)  c’è quello di diffondere nel mondo delle aziende agricole italiane la cultura della contabilità e dell’importanza degli strumenti di supporto alla gestione aziendale.

Nello svolgimento delle sue funzioni di coordinamento della Rete di Informazione Contabile Agricola (RICA) il CREA-PB ha predisposto una metodologia di rilevazione contabile, concretizzatasi nella realizzazione di GAIA, un software di contabilità gestionale in partita doppia che consente la rilevazione, l’imputazione, il raggruppamento, il controllo, la determinazione e l’analisi dei costi e dei ricavi di gestione, sia dei fatti propriamente contabili che degli eventi aziendali tipici del settore agricolo. Nell’individuazione dei contenuti informativi di GAIA è stato introdotto l’obiettivo di rendere la metodologia contabile compatibile sia con le regole del bilancio civilistico oltre che con le definizioni della RICA, del Sistema Europeo dei Conti Economici Nazionali e dei principi contabili internazionali (IAS41, ecc.), sia con il crescente e diversificato fabbisogno informativo degli utenti del sistema RICA.

Questa scelta ha comportato un inevitabile aumento delle informazioni richieste, che potrebbe scoraggiare alcuni utenti non ancora pienamente consapevoli della potenzialità per il controllo della gestione e soprattutto della sua facilità di utilizzo, ottenuta attraverso una particolare cura nella progettazione dell’interfaccia utente.

La disponibilità di strumenti applicativi di supporto alla consulenza alla gestione rimane tuttavia un elemento essenziale per garantire competitività in agricoltura, tema che è tornato ad essere di grande interesse con le recenti riforme della PAC. Alcuni regolamenti comunitari prevedono infatti l’impiego di strumenti che fanno riferimento a norme comuni non solo per le attività di valutazione degli effetti degli aiuti pubblici nelle aziende agricole, ma sono fondamentali per le attività di monitoraggio e valutazione dei programmi di sviluppo rurale.

Inoltre, profondi mutamenti del contesto economico ed istituzionale che coinvolgono l’agricoltura, principalmente l’internazionalizzazione dei mercati e l’adozione di nuovi strumenti di politica agricola comunitaria (evoluzione delle regole dei mercati internazionali, ulteriore liberalizzazione del commercio, disaccoppiamento degli aiuti comunitari ecc.) espongono molte aziende agricole al rischio di disattivazione. In questo contesto, il ricorso al credito agrario rappresenta una strategia fondamentale nel processo di ristrutturazione dell’azienda agricola.
.
—– *****  —–
.
Tutte queste considerazioni, affiancate anche a specifiche richieste avanzate al CREA-PB da diversi stakeholder (pubblici e privati), hanno stimolato alla realizzazione di una “sistema semplificato” per la raccolta di dati tecnici ed economici nelle aziende agricole (Bilanciosemplificatorica – BS), che fosse utile sia valutazione sia del livello di competitività delle aziende agricole sia alla sostenibilità economica, patrimoniale e finanziaria di Piano di Sviluppo Aziendale. Il BS attraverso consente di ricostruire la situazione economica e patrimoniale di un’azienda agricola secondo lo schema contabile della metodologia RICA, rappresenta uno strumento di supporto alle decisioni  (DSS) che aiuta l’imprenditore agricolo di misurare le proprie performance produttive mediante specifici confronti (beanchmark) con gruppi di aziende dalla bancadati RICA. Esso consente, inoltre, di fornire elementi specifici agli operatori del sistema creditizio.

 torna su

A.2 DESTINATARI

 

Il BilancioSemplificatorica  (Bilanciosemplificatorica – BS) è indirizzato alle aziende agricole interessate a valutare il proprio livello di competitività, a presentare un Piano di Sviluppo Aziendale, nell’ambito delle misure strutturali del Programma di Sviluppo Rurale, fornire agli imprenditori agricoli elementi specifici per l’accesso al credito agricolo.

L’obiettivo è quello di consentire la raccolta delle informazioni richieste con la massima semplicità ed efficienza, secondo la metodologia contabile derivata dallo standard RICA italiano. Il BS, tuttavia, non presenta il dettaglio informativo proprio della metodologia RICA del CREA-PB  (GAIA), ma conserva gli elementi essenziali per un raccordo con l’indagine RICA. Tali elementi sono rappresentati sia dalla definizione delle variabili contabili considerate, che dagli elementi essenziali per la classificazione tipologica delle aziende agricole.

L’applicazione web del Bilanciosemplificato trova utilizzazione nei casi in cui si voglia conoscere la capacità produttiva dell’azienda agricola, prendendo in considerazione gli elementi patrimoniali e i fatti tecnici riferiti ad un anno contabile. Una corretta registrazione dei dati aziendali consente di comprendere ed evidenziare i risultati dell’attività svolta nella propria impresa agricola, attraverso l’analisi della realtà economica e patrimoniale (bilancio consuntivo), oppure quale strumento di ausilio per programmare o pianificare la propria attività (bilancio preventivo). Quest’ultima caratteristiche, di recente introduzione dell’applicazione web, può essere consultata attraverso il report del Bilancio Comparativo (confronto dei risultati aziendali tra due anni contabili diversi).

Il Bilanciosemplificato è ottimizzato per un utilizzo da parte di utenti competenti sulle tematiche agricole ed aziendali (anche con poche competenze ragionieristiche), per raccogliere con la massima semplicità ed efficienza le informazioni richieste per conoscere la realtà economica e patrimoniale dell’impresa agricola da analizzare. Per questo motivo, l’applicazione è stata realizzata in ambiente web ed è strettamente connessa con il sistema di classificazione tipologicia Class.CE), anch’essa realizzata dal CREA-PB.

 

Tale soluzione comporta numerosi e significativi vantaggi, in quanto consente:

a.   un veloce e facile autoapprendimento da parte di qualsiasi utente (registrato ed attivato);

b.    il controllo formale dei dati fondamentali già in nella fase di inserimento;

c.   di effettuare  confronti (beanchmark) con i risultati medi (3 anni) delle aziende della RICA e comparare i risultati della stessa azienda tra due esercizi contabili diversi (anche non continuativi).

d.   di collegarsi via web-service con l’applicazione web Piano di Sviluppo Aziendale del CREA-PB.

Oltre agli imprenditori agricoli, il Bilanciosemplificato può interessare anche altre categorie di utenti: in primis, le istituzioni pubbliche o private, che potrebbero utilizzare BS per misurare ed analizzare gli effetti economici aziendali degli argomenti di specifico interesse (rendimento degli investimenti, valutazione globale degli aiuti pubblici, ecc.); poi le Organizzazioni Professionali delle categorie agricole ed i liberi professionisti, che potrebbero essere interessati all’erogazione di un servizio di supporto alla gestione aziendale ai propri associati o clienti nei casi in cui questi non siano in grado o non intendano provvedere autonomamente all’utilizzo dell’applicazione; ed infine il sistema dell’istruzione secondaria ed universitaria, in quanto la sua impostazione lo rende idoneo anche per fini didattici.

Date le caratteristiche dell’applicazione BS non si richiedono particolari competenze contabili ed informatiche. Naturalmente è opportuna una minima conoscenza di base delle nomenclature e dei fenomeni tipici del settore agricolo, senza la quale l’uso del programma può condurre ad errate interpretazioni delle variabili e dei risultati. Invece, per quanto riguarda la terminologia contabile non sono richieste conoscenze preliminari, dato che il programma contiene procedure guidate e indicazioni operative per la corretta registrazione contabile degli eventi.

.

L’accesso al BS è riservata ai soli utenti abilitati, che accedono all’applicazione web attraverso la relativa registrazione e attivazione da parte del CREA-PB. Qualsiasi uso non autorizzato è perseguibile per legge. Per maggiori dettagli consultare la Licenza d’uso.

 torna su

A.3 L’impostazione metodologica

 

Gli aspetti tecnici, economici e patrimoniali rappresentano una fase fondamentale della capacità gestionale dell’azienda agricola. Essa si incentra nella valutazione della solidità patrimoniale, economica e reddituale dell’azienda agraria. Ne consegue che, pur limitando al massimo la complessità dell’applicazione sviluppata, non si può prescindere dalla compilazione di alcune sezioni della parte Patrimoniale che della Gestione Tecnica.

Per garantire il rispetto di alcuni principi contabili e facilitare la verificare della congruità dei dati registrati, la determinazione delle singole voci economiche e patrimoniali viene fatta rilevando anche le specifiche informazioni tecniche ed economiche-finanziare necessarie a tale scopo (prezzi, rese, crediti, debiti, ecc.).

Inoltre, nella costruzione della proposta operativa sono state utilizzate le competenze che derivano dalle attività caratteristiche del CREA-PB e che è opportuno mettere a sistema nel quadro della definizione degli strumenti per la crescita della competitività delle imprese agricole.

I principi alla base del Bilanciosemplificato sono dunque ispirati alla necessità di inserire la proposta operativa in un quadro già esistente e consolidato di strumenti di gestione e programmazione delle politiche, capace di garantire l’uniformità metodologica a livello comunitario, quale la rete contabile RICA.

L’adozione di definizioni delle variabili contabili armonizzate e la disponibilità degli elementi essenziali per la classificazione tipologica delle aziende agricole permette la realizzazione di analisi comparative a livello generale o in specifici ambiti territoriali come pure per determinati tipi di produzione e settori.

Si fa riferimento in particolare alla “tipologia comunitaria delle aziende agricole“, consistente in una classificazione uniforme delle aziende della Comunità fondata sull’orientamento tecnico-economico (OTE), sulla dimensione economica e sulla rilevanza delle altre attività lucrative direttamente collegate all’azienda. Va precisato che la tipologia comunitaria è utilizzata principalmente per la presentazione dei dati rilevati nel quadro delle indagini comunitarie sulla struttura delle aziende agricole condotte dall’ISTAT (Indagine SPA e Censimento) e della rete RICA; inoltre essa trova un’importante applicazione nel Sistema nazionale di monitoraggio e valutazione dei Fondi comunitari sullo sviluppo rurale (FEASR), nella valutazione di tipo economico per l’accesso alle misure del PSR; e in moltissimi studi e ricerche dell’economia agraria.

Nell’ambito della gestione operativa dell’indagine RICA, il CREA-PB ha predisposto l’applicazione web Class.CE, finalizzata alla classificazione delle aziende agricole. A questa applicazione è stata sviluppata una versione utilizzata per la calcolare la Dimensione Economica delle aziende agricole richiedenti il sostegno pubblico per alcune misure del PSR; applicazione denominata Classce Lite.

L’importanza della classificazione tipologica comunitaria deriva dalla possibilità offerta di raccordo con le statistiche agricole ufficiali oltre che con gli archivi amministrativi. Ciò consentirebbe di svolgere approfondimenti su aspetti strutturali e contabili non direttamente rilevati presso le aziende interessate dal bilancio semplificato, ma desumibili da aziende simili per orientamento produttivo e classe dimensionale.

 

 

 

torna su